Ricordati di essere sempre un esempio positivo,
è l'unico modo per vincere la guerra..

Luoghi Storici


Insurrezione di Palermo, 1848, inizia la Primavera dei Popoli (Sicilia)

Favoriti : 5

Pubblicato in : Battaglie, Battaglie moderne (700, 800, 900)

Hits

Data 12 gennaio 1848
Luogo Palermo

L’anno del risveglio, chiamato anche “La Primavera dei Popoli” , il 1848 fu sconvolto da guerre ma soprattutto rivoluzioni, e tutto ebbe inizio in Sicilia.
La Sicilia si era divisa da Napoli all’epoca dei Vespri del 1282 e solo nel 1815 col Congresso di Vienna tornò in un unico stato col resto del Sud d’Italia. Durante il periodo napoleonico però furono gettati i semi di future insofferenze, nel 1812 infatti, a causa di fatti tumultuosi avvenuti a Napoli, i Borbone si ritirarono in Sicilia, qui i siciliani, data la situazione, fecero pressioni tali che portarono alla concessione di una costituzione, costituzione che Ferdinando IV abolì non appena le acque si calmarono e poté tornare a Napoli, creando non pochi risentimenti nell’isola.

La rivolta ebbe inizio a Palermo e fu organizzata in maniera capillare attraverso la distribuzione di volantini nei tre giorni che precedettero l’insurrezione, avvenuta il 12 gennaio 1848, data scelta deliberatamente in quanto giorno del compleanno di Ferdinando II. I nobili siciliani rispolverarono la vecchia costituzione del 1812 che prevedeva la centralità del parlamento siciliano e l’applicazione dei principi della democrazia rappresentativa.



L’esperimento siciliano ebbe un buon successo iniziale, ma vi era una spina nel fianco del nuovo stato costituita dalla città fortificata di Messina che era rimasta in mano ai borboni i quali dopo 16 mesi riuscirono con la forza delle armi a piegare la Sicilia, era il 15 maggio 1849. Durante questo periodo lo stato fu retto da Ruggero Settimo, che col ritorno dei Borbone partì in esilio per Malta. Con la nascita del Regno d’Italia gli fu offerta la carica di Primo Presidente del Senato che rifiutò per motivi di salute, morì a Malta nel 1863.
La rivoluzione si propagò al resto d’Italia e oltre, nel regno sabaudo ad esempio Carlo Alberto fu costretto a concedere la costituzione, quello Statuto Albertino che sarà poi la prima carta dello Stato Italiano, cosa che provocherà una delle recriminazioni principali fatte ai Savoia, ovvero che non hanno concesso o promosso il varo di una costituzione apposita per il nuovo Stato italiano, per averla ci vorranno altri 100 anni, due guerre mondiali e un referendum che sancirà la nascita della Repubblica nel 1948.

Figo: lo DIGO! Salva su Salvasiti.com Articoli simili Commenti autore Scrivi tu il primo commento su quest'articolo Riporta questo articolo sul tuo sito Aggiungi a lista preferiti Stampa Spedisci a un amico
Insurrezione di Palermo, 1848, inizia la Primavera dei Popoli (Sicilia)
PDF
 

Area Castelli Romani

visita il portale dei Castelli Romani

In Evidenza

L’assedio di Tuscolo e le virtù romane
Cincinnato viene chiamato dal senato e difendere Roma
Bombardamento americano dell'abazia di Cassino
L'abazia di Cassino viene bombardata e distrutta dagli alleati
Affondamento della corazzata Roma
La corazzata Roma viene colpita e affondata dopo la firma dell'armistizio