Ricordati di essere sempre un esempio positivo,
è l'unico modo per vincere la guerra..

Luoghi Storici


Vª battaglia dell’Isonzo, attacco per alleggerire la pressione su Verdun (Friuli - Venezia Giulia)

Favoriti : 6

Pubblicato in : Battaglie, Battaglie moderne (700, 800, 900)

Hits


Data 11-19 marzo 1916
Luogo valle dell’Isonzo Friuli Venezia Giulia
Contendenti Regno d’Italia / Impero Asburgico
Forze in campo 286 battaglioni / 100 battaglioni
Perdite 1.882 / 1.985
Esito offensiva italiana respinta

Le precedenti offensive sull’Isonzo non hanno prodotto significativi mutamenti nella linea del fronte tra Regno d’Italia e Impero austriaco, oltre tutto, Oslavia, precedentemente strappata agli austriaci fu di nuovo persa in gennaio (azione ben raccontata dal fante Gultiero Castellini pg 87). Ora però un nuovo attacco urge non tanto per gli obiettivi italiani ma perché la guerra al fianco degli alleati impone uno sforzo congiunto, serve un’azione che induca gli austriaci a credere in una offensiva generale tale da imporre la necessità di richiamare truppe dal fronte occidentale, dove infuria una delle più grandi battaglie della guerra, la battaglia di Verdun, iniziata e febbraio e che si protrarrà fino a dicembre.
L’attacco, data la sua natura, non aveva obiettivi precisi anche se la pressione maggiore fu esercitata sulla testa di ponte di Tolmino, partirono attacchi vari verso il Mrzli, il S.Maria, il Podgora, la cima 4 del Monte San Michele, la Cappella Diruta e San Martino del Carso. L’azione fu preceduta da un massiccio bombardamento di artiglieria che iniziò l’11 marzo e durò due giorni e due notti, poi, il 13, iniziò l’attacco delle fanterie che però si risolse in tante piccole battaglie slegate tra loro, poco più che scaramucce che solo in alcuni settori raggiunsero intensità elevate, nel complesso le azioni risultano essere più il frutto di iniziative personali dei vari comandi che azioni coordinate dall’Alto Comando. Si tenta anche di prendere il Podgora, lo scudo di Gorizia, che però nonostante l’eroico sforzo di molti soldati resiste, grazie ad un efficacissimo sistema di fortificazioni e gallerie. Il 19 marzo col peggioramento delle condizioni meteo, l’azione viene interrotta.


Vai al riepilogo delle battaglie dell’Isonzo

Vai al riepilogo degli argomenti sulla Grande Guerra

Figo: lo DIGO! Salva su Salvasiti.com Articoli simili Commenti autore Scrivi tu il primo commento su quest'articolo Riporta questo articolo sul tuo sito Aggiungi a lista preferiti Stampa Spedisci a un amico
Vª battaglia dell’Isonzo, attacco per alleggerire la pressione su Verdun (Friuli - Venezia Giulia)
PDF
 

Area Castelli Romani

visita il portale dei Castelli Romani

In Evidenza

L’assedio di Tuscolo e le virtù romane
Cincinnato viene chiamato dal senato e difendere Roma
Bombardamento americano dell'abazia di Cassino
L'abazia di Cassino viene bombardata e distrutta dagli alleati
Affondamento della corazzata Roma
La corazzata Roma viene colpita e affondata dopo la firma dell'armistizio