Ricordati di essere sempre un esempio positivo,
è l'unico modo per vincere la guerra..

Luoghi Storici


La Grande Guerra, La caduta d'Europa

Favoriti : 14

Pubblicato in : Grande Guerra, Grande Guera

Hits

Verso la Grande Guerra

Le cause che portarono al verificarsi dei numerosi attriti e rivalità internazionali che trascinarono l’Europa, prima in numerose crisi, e poi nella Prima guerra mondiale, sono numerose e di complicata elencazione ed analisi. Molte di queste poi hanno origine... leggi tutto

Sarajevo il punto di non ritorno

La scintilla che innescò quell’inarrestabile processo che trascinò l’Europa in guerra fu l’assassinio dell’arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d’Austria. Il principe ereditario aveva molti nemici anche a corte ed era mal visto da molti paesi... leggi tutto

"...e guerra sia!"

Questa, in Europa, era l’ennesima crisi in pochi anni; molte erano state risolte in maniera diplomatica, altre avevano portato a guerre relativamente brevi e circoscritte che non avevano mutato in maniera seria l’assetto geopolitico europeo... leggi tutto

Le grandi offensive iniziano

Sul fronte occidentale la Francia attendeva l’invasione per poi contrattaccare. Il piano francese prevedeva un massiccio attacco al centro del fronte per riconquistare l’Alsazia e la Lorena e poi aprirsi la via per il cuore della Germania, magari... leggi tutto

L'Italia tra neutralità e intervento

L’Italia, quando gli altri stati scesero in guerra, si dichiarò neutrale, ma già prima della fine del '14 si accesero ampi dibattiti, tra interventisti e neutralisti, sull’eventualità di entrare in guerra. Le voci interventiste si fecero sempre più numerose... leggi tutto

1915

Agli inizi del 1915 l’incertezza regnava sovrano un po’ su tutti i fronti: si era capito ormai che la guerra sarebbe durata a lungo, ci si interrogava dunque su quale strategia seguire per arrivare alla vittoria finale. Già, perché ogni esercito... leggi tutto

L'Italia entra in guerra

Il 23 maggio 1915 il Regno d’Italia dichiara guerra all’Impero Austro-Ungarico. Al comando dell’esercito italiano è Luigi Cadorna, mentre il comandante in capo della Regia Marina è il grande ammiraglio Paolo Tahon di Ravel, il 24 maggio il regio esercito... leggi tutto

1916

Con l’entrata in guerra dell’Italia gli alleati decisero di riunirsi per coordinarsi su quelli che sarebbero stati gli sforzi comuni. Dopo la disfatta dei Dardanelli era ormai chiaro che lo sforzo principale si sarebbe dovuto compiere a occidente, impegnando... leggi tutto

1917

Un po’ come anche l’anno precedente, agli inizi del ‘17 l’incertezza e la confusione regnavano su tutti i fronti e dal Presidente degli Stati Uniti si levò la proposta di una pace senza vittoria. Tale iniziativa non trovava però molto consenso.... leggi tutto

Italia: caduta a Caporetto, risorta a Vittorio Veneto

Nel periodo compreso tra il 24 ottobre e il 9 novembre 1918 si svolse la dodicesima battaglia dell’Isonzo, meglio conosciuta come battaglia di Caporetto. Dopo l’undicesima battaglia dell’Isonzo, conclusasi con una vittoria italiana, gli austriaci... leggi tutto

1918

All’inizio del 1918 la situazione era tutt’altro che rosea per gli alleati i quali avevano perso la Russia e vedevano l’Italia vicina al crollo. Molti pensavano che questo sarebbe stato l’anno decisivo e in considerazione di ciò, nonché di quella che era la situazione... leggi tutto

Una dura eredità

La guerra è orami finita, ma l’eredità che lascia al mondo è innanzitutto un profondo sconvolgimento della geografia politica dell’Europa, il cui nuovo assetto si rivelerà, negli anni avvenire, precario e barcollante. Molti grandi imperi del passato sono ormai distrutti... leggi tutto
APPROFONDIMENTI

Gli intellettuali e la guerra

L’800 dell’industrialismo, della Belle Epoque, del positivismo, si affaccia con fiducia su un ‘900 carico di speranze ma anche di voglia di agire con decisione come volevano i futuristi, un periodo però in cui i decadenti vedono l’incombere della catastrofe… leggi tutto

Tecnologie nel conflitto

Il rapporto tra guerra e tecnologia è sempre molto stretto, maggiore era la tecnologia di un popolo, migliori erano le armi con le quali tale popolo poteva lottare. Nel passato, però, la ricerca civile era sempre abbastanza separata da quella militare e viceversa... leggi tutto
Figo: lo DIGO! Salva su Salvasiti.com Articoli simili Commenti autore Scrivi tu il primo commento su quest'articolo Riporta questo articolo sul tuo sito Aggiungi a lista preferiti Stampa Spedisci a un amico
La Grande Guerra, La caduta d'Europa
PDF
 

Area Castelli Romani

visita il portale dei Castelli Romani

In Evidenza

L’assedio di Tuscolo e le virtù romane
Cincinnato viene chiamato dal senato e difendere Roma
Bombardamento americano dell'abazia di Cassino
L'abazia di Cassino viene bombardata e distrutta dagli alleati
Affondamento della corazzata Roma
La corazzata Roma viene colpita e affondata dopo la firma dell'armistizio